Cronache di un nuovo inizio: tutto ricomincia con un SUV

Non sono mai stato un grande fan delle automobili. Non sono mai stato incollato alla televisione guardando macchine sportive che sfrecciavano per tagliare per prime il traguardo, né sono mai trasalito al rombo di un motore o davanti ad una carrozzeria luccicante.

Anche quando viaggio, preferisco dunque utilizzare i mezzi di trasporto pubblici, a parte qualche eccezione in cui la macchina è necessaria, o quando la destinazione si presta particolarmente ad un road trip. Se questo è il caso, utilizzo i vari motori di ricerca per trovare l’alternativa più economica, senza pretese di sorta.

Vivendo in una metropoli del Nord America ci sono poi dei casi in cui, nonostante un sistema di trasporto pubblico urbano piuttosto efficiente, l’automobile è d’obbligo, vuoi per assenza di mezzi alternativi, o per la necessità di trasportare oggetti particolarmente pesanti o ingombranti. Stavolta la macchina ha finito per assumere un significato molto più profondo.

Quel giorno era il primo di un nuovo capitolo della nostra vita. Non è la prima volta che decidiamo di voltare pagina, di rivoluzionare completamente le nostre vite. È una cosa già successa ormai quasi quattro anni fa, quando scegliemmo di lasciare il nostro paese, le nostre famiglie e i nostri amici per iniziare qualcosa di nuovo insieme.

Siamo arrivati in Canada senza saperne quasi nulla, e senza conoscere nessuno, con pochi risparmi in tasca e la voglia di ricominciare. Abbiamo faticato, molto. Abbiamo riso, abbiamo pianto, abbiamo sofferto il freddo come non pensavamo fosse possibile. Abbiamo trovato un lavoro, lavorato duro, conosciuto persone stupende e ci siamo creati una nuova famiglia. Abbiamo viaggiato, tanto.

Dopo anni passati a Toronto è arrivato però il momento di ricominciare, un’altra volta. Una nuova fase è iniziata, e non possiamo esserne più felici ed eccitati. È cominciata con un’auto a noleggio, un SUV per la precisione.

Anche questa volta, come al solito, avevamo optato per un’auto economica. Avevamo bisogno di trasportare cose pesanti, ma non così tante. Dovendo muoverci in città, abbiamo poi pensato che una macchina di piccola taglia sarebbe sicuramente stata più comoda.

Il caso ha però voluto che di automobili economiche non ce ne fossero disponibili. Come dunque accade solitamente in casi del genere, per un prezzo molto basso abbiamo avuto una vettura che valeva molto di più, un SUV per l’appunto, il primo che mi sia mai capitato di guidare.

Alla fine si è rivelato utile, disponeva dello spazio necessario di cui avevamo bisogno. Una macchina del genere, inoltre, era molto più comune di una semplice utilitaria per le strade di Toronto. Abbiamo preso parte ad una giornata come tante per un abitante di questa città. La difficoltà nel trovare un parcheggio, il traffico tremendo ma pur sempre ordinatissimo, le luci dei fari tra i grattacieli rese fioche dalla pioggia.

Il SUV era carico di scatoloni. Libri, fumetti, vestiti e cose accumulate in quasi quattro anni di vita. Ci siamo privati di tutto ciò che siamo riusciti a dare via. Anni di cose sono spariti, in un pomeriggio di pioggia trascorso per lo più su un SUV.

Ma non sono le cose a crearci, a formare la persona che siamo. Esse sono solo un contorno per renderla un pochino diversa, particolare, unica. E in quella giornata come tante a Toronto, in cui come mai ci siamo comportati allo stesso modo di un suo abitante, abbiamo allo stesso tempo abbandonato quel contorno. Abbiamo scelto di mantenere solamente la sostanza, ciò che ci interessa veramente.

Ed è così che un SUV, la cosa più comune per le strade della città che è stata la nostra casa per gli ultimi anni, è divenuto lo strumento con cui a Toronto, e alle cose che questa vita l’hanno resa unica, diciamo arrivederci. Per un giorno dovevamo sentirci veramente torontoniani, per poter lasciare Toronto.

La casa ora è quasi vuota, le stanze sono occupate solo dalle cose strettamente necessarie, che a loro volta andranno via con noi. Quando sarà il momento di dire definitivamente ciao, le lacrime che ci righeranno il volto saranno un misto di gioia e tristezza.

Il nuovo capitolo della nostra vita comincerà con un grande viaggio, e ci porterà all’altra estremità del mondo. E chissà, magari anche il futuro, anche la vita che finora ci ha soddisfatto così tanto, continuerà a renderci felici, e un giorno deciderà di darci un SUV invece di un’auto economica.

3 pensieri su “Cronache di un nuovo inizio: tutto ricomincia con un SUV

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...